Sicilia, boom di contagi e ricoveri: il nuovo piano della Regione

Sicilia, boom di contagi e ricoveri: il nuovo piano della Regione

La circolare per fare fronte alla nuova ondata. Ecco che cosa cambia negli ospedali.
CORONAVIRUS
di
1 Commenti Condividi

Il piano dell’assessorato alla Salute è quello che LiveSicilia.it aveva anticipato. E si basa sulla distinzione, con diverse sfumature, tra malati di Covid e positivi. Ovvero, tra coloro che soffrono pesantemente e direttamente per la malattia scaturita dal contagio e coloro che arrivano in ospedale per un altro problema e risultano, successivamente, positivi al tampone, oppure che mostrano una blanda sintomatologia. Come curare al meglio questi ultimi, evitando di perdere tempo prezioso? Come non affollare di positivi i reparti Covid? Trattandoli diversamente, secondo quanto riassume il documento stilato e approvato in assessorato.

Aumento dei ricoveri

“Nella nostra regione si legge nel testo -, per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri (…) nelle ultime tre settimane le nuove ospedalizzazioni dei pazienti positivi hanno subito un incremento del 59,8%. In particolare, si osserva che l’impatto dei casi Covid sugli ospedali riguarda, in misura maggiore, l’area medica, ovvero i reparti di Medicina, di Malattie infettive e di Pneumologia. Inoltre, sempre più frequentemente, viene registrato un notevole numero di accessi presso i P.S. degli ospedali di pazienti Covid positivi, portatori di altre patologie specifiche, talvolta con presentazione clinica urgente e indifferibile o di pertinenza delle reti tempo dipendenti”. Si pone, appunto, il problema di assisterli, senza lungaggini e senza trasferimenti.

Il piano per gli ospedali

Ecco perché – si legge ancora – “le aziende sanitarie dovranno… Continuare a mantenere un modello per l’assistenza a pazienti con malattia conclamata da Covid 19, ovvero quelli nei quali la sintomatologia predominante è caratterizzata dal corredo noto della malattia da Covid19. Garantire la migliore gestione anche di pazienti con diverse necessità, ma positivi al Covid, asintomatici o pauci sintomatici, o comunque in assenza di malattia conclamata”.

La nuova organizzazione

E come faranno per i secondi? La nota risponde: “Organizzando, presso i reparti medici e chirurgici specialistici, aree di assistenza multidisciplinari, con la presa in carico dei pazienti da parte degli specialisti per la patologia prevalente (…). Laddove possibile, (ricavando, ndr) posti letto nelle stanze di degenza, all’interno dei reparti specialistici, dedicati alla presa in carico di tali pazienti”. Dunque, gli indirizzi sono due, ma possono coesistere, e portano alla creazione di un modello misto: quei malati verranno allocati in un’unica area dove si trattano più patologie, negli ospedali. O in un reparto specifico, in isolamento, che si occupi della branca richiesta. “Per le patologie tempo-dipendenti il servizio 118 dovrà attenersi alle norme vigenti sulle reti, trasportando il paziente nei centri individuati dalle reti”.

L’importanza dei vaccini

“Così come ribadito dal Ministero – si legge, infine -. Si richiama l’attenzione sull’importanza della copertura vaccinale quale strumento necessario a mitigare l’impatto clinico dell’epidemia attraverso il completamento dei cicli di vaccinazione e il mantenimento di una elevata risposta immunitaria mediante la dose di richiamo”. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Si continua a brancolare nel buio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.