Balzo di Musumeci, il gradimento dei siciliani cresce del 10%

Balzo di Musumeci, il gradimento dei siciliani cresce del 10%

Il governatore raggiunge il 50%. Settimo fra i presidenti di Regione
IL SONDAGGIO
di
9 Commenti Condividi

Balzo in avanti del presidente della Regione Nello Musumeci nell’indice di gradimento. Raggiunge il 50 per cento del consenso e si piazza al settimo posto nella classifica “Governance Poll 2022” di Noto Sondaggi per il Sole 24 Ore.

Inoltre rispetto al giorno delle elezioni Musumeci ha aumentato il consenso del 10,2%. Il sondaggio giunge in un momento in cui le acque nel centrodestra restano agitate in vista della scelta del candidato per le prossime elezioni regionali.

Luca Zaia, presidente del Veneto, si conferma in testa alla classifica con il 70% dei consensi. Zaia però quest’anno è tallonato da un altro leghista, Massimo Fedriga, presidente del Friuli Venezia Giulia, con il suo exploit arriva al 68% e supera Stefano Bonaccini (Emilia Romagna), che scende di una posizione, pur mantenendo un solido livello di gradimento con il suo 65%. Nella parte alta della classifica compaiono anche i primi cittadini delle grandi città mentre negli anni scorsi erano sempre penalizzati.

È Luigi Brugnaro (Venezia, 65%) il sindaco più amato d’Italia: supera Antonio De Caro (Bari, 62%) scivolato dal primo al terzo posto, con in mezzo la novità di Marco Fioravanti (Ascoli Piceno, 64%).

I 26 comuni in cui il sindaco è stato eletto nel mese di giugno 2022 non rientrano nella classifica. Da segnalare il 4° posto di Giuseppe Sala (Milano) che arriva al 60%, così anche la 5° posizione di Gaetano Manfredi (Napoli), che totalizza il 59,5%,e che condivide in ex aequo con il sindaco di Bologna Matteo Lepore.

I primi cittadini di Torino e Roma, Matteo Lepore e Roberto Gualtieri, pur perdendo un po’ di consenso rispetto al risultato ottenuto nelle recenti elezioni dello scorso settembre, rimangono abbondantemente sopra la soglia del 50%, in particolare Matteo Lepore si piazza in 15° posizione con il 57% mentre il sindaco della Capitale è a metà classifica con il 54%.

E’ chiaro che molti sindaci neo eletti al primo mandato pagano lo scotto di dover dimostrare ai cittadini nell’immediato un completo cambio di passo rispetto al passato. E’ altresì interessante notare che ben 62 Sindaci sui 78 testati ricevono almeno il 50% dei consensi, indicatore questo di un forte legame sentimentale che si è creato con i cittadini.

Tra i Presidenti di Regione, invece, oltre al trio di testa si segnalano le buone performance di molti governatori. Per esempio Giovanni Toti (Liguria), che è anche il leader nazionale di Italia al Centro, si piazza al 4° posto con il 61%, aumentando di 5 punti rispetto al giorno delle elezioni, così anche Roberto Occhiuto (Calabria), eletto nello scorso settembre, aumenta del 3,5% e con il 58% conquista la 5° posizione in comproprietà con Vincenzo De Luca (Campania).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Mi sa che gli attacchi quotidiano di Miccichè, di mauro e leghisti vari, gli portano consenso

    E no caro Giovanni. Esprimono consenso per lui gli avversari dell’altro campo. Perchè sanno che solo se ci sarà Musumeci candidato, il centrosinistra potrà vincere le elezioni.

    Scusate ma live Sicilia non ha fatto un mini referendum . E allora ripubblicate le votazioni.

    piu’ che “balzo” è lo “sbalzo” fuori caldo dentro freddo, si puo’ ammalare, comunque sono statistiche che lasciano il tempo di una sola occhiata, le Urne decreteranno davvero la scelta del governatore.

    con questo trend…dovrebbe attestarsi attorno al 110% 🙂
    inutile fare sondaggi, deve tornare a vita normale….ha già fatto abbastanza per Catania e Provincia

    settimo su sette?

    Ma si facciamo un favore alla sinistra, ricandidiamo Musumeci.

    condivido ha gia’ fatto abbastanza per catania e provincia.

    non vi sembra strano che da quando i nostri presidenti della reg sono catanesi lo sviluppo di tutti i settori e’ proprio in quelle zone?!! veditate meditate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.