Trovato impiccato Di Maio, | ex esattore di Santa Maria di Gesù - Live Sicilia

Trovato impiccato Di Maio, | ex esattore di Santa Maria di Gesù

Il probabile suicidio
di
4 Commenti Condividi

Il collaboratore di giustizia Giuseppe Di Maio, 34 anni, è stato trovato impiccato nella sua abitazione in una località segreta della Liguria, venerdì scorso. Probabilmente si è suicidato. L’ex esattore della cosca mafiosa di Santa Maria di Gesù a Palermo non vedeva i figli da oltre un anno e la moglie lo aveva lasciato. Con le sue dichiarazioni, come scrivono alcuni giornali, aveva consentito anche l’arresto del suocero, il boss Giuseppe Lo Bocchiaro. Il collaboratore era ai domiciliari dopo una condanna a 4 anni e mezzo per mafia ed estorsione. La procura ha sollecitato l’autopsia sul cadavere.

Non ha lasciato alcun biglietto e il suo suicidio potrebbe essere imputato a una forte depressione dovuta all’assenza della moglie, che l’aveva lasciato due anni fa, e soprattutto al fatto di non poter vedere i due figli. Ma la morte di Giuseppe Di Maio, 34 anni, ex esattore della cosca di Santa Maria di Gesù, collaboratore di giustizia trovato impiccato venerdì scorso in una casa protetta del levante ligure deve ”essere approfondita”. Con tutta probabilità infatti sul corpo del collaboratore di giustizia sarà eseguita l’autopsia. Nell’abitazione, secondo quanto appreso, non sono stati ritrovati biglietti o lettere: Di Maio è stato trovato impiccato con una fune e da una prima indagine necroscopica esterna la lesione presente sul collo farebbe propendere per il suicidio.

 Ciononostante, la procura di Palermo ha sollecitato l’autopsia che potrebbe essere disposta nei prossimi giorni. Giuseppe Di Maio, genero del boss Giuseppe Lo Bocchiaro, era stato arrestato nel marzo 2010: dopo un mese dall’arresto ha iniziato a collaborare facendo così arrestare, oltre allo stesso Lo Bocchiaro, alcuni dei maggiori esponenti della famiglia di Santa Maria di Gesù, guidata fino al 1997 da Pietro Aglieri e in seguito da Ino Corso. La moglie di Di Maio si dissociò pubblicamente dalla decisione del marito, abbandonandolo. L’attività di Di Maio nell’ambito della famiglia mafiosa, era incentrata sul business delle estorsioni perpetrate a danno di commercianti della zona di sua competenza. Nel suo portafogli, al momento dell’arresto, gli inquirenti ritrovarono la lista delle estorsioni portate a termine.

Cosa nostra fa schifo”
 Spesso ripeteva in aula di essere ”schifato” dai metodi di Cosa nostra, per questo Giuseppe Di Maio, 34 anni, aveva deciso di collaborare con la giustizia accusando i complici con i quali aveva gestito il racket delle estorsioni alla Guadagna, una delle zone a più alta densita mafiosa di Palermo. Di Maio, trovato morto impiccato in Liguria nell’abitazione dove viveva sotto protezione dopo la scelta di abbandonare la mafia, aveva tirato in ballo anche il suocero Giuseppe Lo Bocchiaro e gli amici del quartiere. Grazie alle rivelazioni fatte ai magistrati, le forze dell’ordine di recente avevano arrestato alcuni boss dei ‘Pagliarelli’. Da un anno e mezzo, il pentito non vedeva i suoi due figli e la moglie lo aveva lasciato. Da allora, l’ex picciotto viveva un travaglio interiore. Fare il giro dei negozi per riscuotere il pizzo non era quello che aveva sognato di fare nella vita: i suoi genitori tentarono fino all’ultimo di convincerlo a non sposare la figlia di Lo Bocchiaro. Ma il giovane andò avanti per la sua strada. Dopo il matrimonio sarebbe stato il suocero, secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, a introdurre il genero nella ‘famiglia’ mafiosa. Il suo compito era quello di riscuotere il pizzo, ma quando a marzo del 2010 fu arrestato dalla polizia in un’operazione antimafia, Di Maio decise di chiudere con Cosa nostra. Dopo un mese di carcere, fu trasferito in Liguria dove stava scontando i domiciliari per la condanna a quattro anni con l’accusa di mafia ed estorsioni.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    MOLTI OGGI SARANNO CONTENTI PER QUELL'” infame ” CHE si è suicidato! cosi’ i collaboratori sono chiamati in cosa nostra ed anche da tanta gente che ha insita in se quella mentalita’. In questi giorni abbiamo sentito che il servizio centrale di protezione non ha soldi e non aiuta praticamente in nulla i collaboratori garantedo solo un tetto e lo stipendio quando arriva puntuale! ci sara’ forse una volonta’ superiore che intende DISINCENTIVARE questo fenomeno? chissa’! Un pensiero va’ a quei bambini che sono rimasti in quel contesto sociale e che dovrebbero essere tolti e scusate la durezza ad una madre che ha sposato la causa del male e non del bene! condoglianze ai genitori del SIG. DI MAIO.

    Giovanna, volevo scrivere le stesse identiche cose… non mi resta latro da dire che condivido totalmente le tue parole.

    GRAIZE GIOVANNI.
    LO STATO DEVE AIUTARE CHIUNQUE PASSI DALLA SUA PARTE! PERO’ SPESSO PENSO ALLE PAROLE DI PAOLO BORSELLINO ” POLITICA E MAFIA ESERCITANO IL POTERE SULLO STESSO TERRITORIO O SI FANNO LA GUERRA O SI METTONO D’ACCORDO “. SALUTI

    infatti sig.ra giovanna ha ragione, lo stato non dovrebbe scendere a compromessi con gente che prima quando è fuori fà piangere la gente con prepotenza dovrebbero solo scontare la pena che meritano.
    Mi dispiace che si e suicidato in quanto quando muore un essere umano non è mai bello.
    Ma mi viene anche da pensare ai figli di quei commercianti che hanno vessato e facendosi pagare ma per cosae per che cosa , haa dimenticavo che li lasciano campare se pagano tranquilli sennò o bruciare attività o sparare.
    io sono uno di quelli che non voglio che la gente paghi le tasse per pagare questi delinquenti perchè e questo che sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *