Aligrup, monta la rabbia: | "Siamo esasperati e inascoltati" - Live Sicilia

Aligrup, monta la rabbia: | “Siamo esasperati e inascoltati”

In piazza Duomo esplode la rabbia degli lavoratori Aligrup: "Siamo davanti al palazzo del sindaco, perché a lui, al presidente della regione ed al prefetto, si deve fare sapere che ad oggi con noi, nonostante le tantissime promesse, non si è fatto vivo nessuno".

La protesta in piazza Duomo
di
3 Commenti Condividi
La manifestazione di piazza Duomo

La manifestazione di piazza Duomo

CATANIA. “Siamo in ginocchio: in ginocchio e disperati”. La protesta degli ex dipendenti Aligrup riesplode al termine di un interminabile periodo nel corso del quale la speranza si mescolava alla rassegnazione. Oggi, la protesta ad oltranza in piazza Duomo proprio difronte Palazzo degli Elefanti. Chiede del sindaco Stancanelli il centinaio di manifestanti che, cartelli alla mano, chiedono un intervento diretto delle istituzioni: “Non si sa nulla della cassa integrazione che ci spetta e nemmeno dei tre stipendi che ci era stato detto sarebbero stati sbloccati – spiega, deciso, uno dei portavoce dei lavoratori Vito Tringale -. Per non parlare del fatto che la cassa integrazione di un anno sarebbe stata sbloccata solo a settembre prossimo. Siamo tutti monoreddito ed è impossibile resistere senza soldi per tutto questo tempo”.

Alcuni di loro sono presenti con le loro famiglie al seguito. Un gesto eloquente per fa comprendere come la loro situazione di disagio non sia una questione personale bensì quella di una intera famiglia. “Siamo davanti al palazzo del sindaco, perché a lui, al presidente della regione ed al prefetto, si deve fare sapere che ad oggi con noi, nonostante le tantissime promesse, non si è fatto vivo nessuno – prosegue Tringale -. Che cosa stanno aspettando? Forse che qualcuno faccia qualche gesto estremo? La gente come dovrebbe sopravvivere secondo i nostri rappresentanti istituzionali?”.

Adesso, l’appello viene lanciato anche all’arcivescovo, Salvatore Gristina. Ma loro, i manifestanti, non hanno intenzione di cedere. “Noi protesteremo fino a quando non ci verranno date delle risposte. Noi a settembre non possiamo arrivarci in alcun modo: perché firmare la cassa integrazione tra sei mesi quando già il quadro è ben chiaro. E’ tutta una questione di burocrazia: ci stanno dicendo di andare a delinquere. E’ scattato un gioco allo scaricabarile dove tutti fanno orecchi da mercante e dove tutti fanno finta di niente. Siamo stati da tutti: oggi vogliamo che il sindaco ed il vescovo facciano qualcosa. Ci sono da aiutare 1600 famiglie disperate”.

Per la cronaca, il sindaco Raffaele Stancanelli, ha dato la sua disponibilità ad incontrarli nel promeriggio in viale Jonio.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Che vergogna, vergogna e disgusto nei confronti di chi non fa niente per risolvere il problema di chi non ha neanche il pane per mangiare.

    E’ una situazione assurda..!!! invito TUTTI a esprimere la rabbia che in questa situazione INSOSTENIBILE ci accomuna. Siamo stanchi di chiedere ciò che ci spetta di DIRITTO….dove sono le istituzioni..????Perchè NON CI DATE DELLE RISPOSTE??????

    E’ veramente vergognoso,voglio vedere subito dopo le elezioni se si metteranno tutti di buon auspicio, a risolvere finalmente senza piu’ prese in giro questa drammatica situazione dei lavoratori aligrup.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *