La scelta di Angelina - Live Sicilia

La scelta di Angelina

Angelina Jolie

La bellissima Angelina Jolie, celebrata bellezza femminile, ha scelto una strada difficile. Che la rende bellissima.

6 Commenti Condividi

Qualche tempo fa, in un articolo pubblicato sul ‘New York Times’, Angelina Jolie, una delle attrici più famose e ammirate del cinema internazionale, ha comunicato di essersi sottoposta all’asportazione delle ghiandole mammarie per ridurre il rischio, stimato dai suoi medici intorno all’87%, di contrarre il cancro a causa di un’anomalia genetica responsabile di circa il 10% dei casi di una malattia che uccide 458.000 persone ogni anno (dati OMS). Interpellati dai media, i massimi esperti della materia hanno chiarito che non esistono linee-guida che affermino che questa strategia “estrema” è da preferire a quella più cauta e basata sulla ripetizione ad intervalli più ravvicinati delle normali procedure di screening, come la mammografia. In assenza di certezze, la scelta di Angelina investe unicamente la sfera personale e merita il massimo rispetto e la più alta considerazione per la sua valenza etica e divulgativa.

Nel compiere la sua scelta, Angelina ha dapprima guardato indietro. E più precisamente in direzione di sua madre; colei che le trasmise, insieme a tanta grazia, anche quel gene difettoso. Possiamo solo immaginare quanta sofferenza abbia dovuto patire a causa di quelle, durate molti anni e tragicamente terminate all’età di 56, di chi la mise al mondo. Poi Angelina guarda in avanti e ci parla dei suoi figli e delle loro domande su quella nonna che non hanno mai conosciuto: “Può accadere anche a te, mamma?”. E quando alcuni mesi fa ha scoperto che la risposta a quella domanda era affermativa, Angelina ha deciso.

Ma per quanto intima e personale fosse stata quella scelta, Angelina non l’ha tenuta rinchiusa entro i confini della sua casa, come peraltro sarebbe stato suo diritto. Chi mai avrebbe potuto, con i progressi della chirurgia ricostruttiva, scoprire il suo segreto? Ed è proprio in questo che si configura la grandezza del gesto di Angelina, una donna che non ha guardato solo al passato e al futuro della sua famiglia, ma che si è volta anche verso il basso e di lato scendendo dall’Olimpo delle Dive per parlare al cuore e alla mente di tutte le donne e dei loro compagni. Per rompere il tabù della parola “cancro”, una malattia che fa paura al solo pronunciarla e che dobbiamo smettere di chiamare “male incurabile”.

Per parlare dell’importanza della prevenzione. Per dare coraggio a chi è stato colpito e fronteggia i problemi psicologici che conseguono alla mutilazione di un organo pari universalmente considerato, per funzione fisiologica e per valenza estetica, il simbolo stesso della femminilità. Angelina non ha avuto paura di comunicare ai propri simili che uno dei punti di forza della propria avvenenza era una sorta di bomba ad orologeria pronta ad esplodere. Una splendida mela rossa ed invitante, ma con un verme dentro in forma di serpente velenoso. Nell’era in cui l’apparire ha sempre aggio sull’essere, una delle donne più belle e desiderate al mondo ricorda al mondo stesso che ciò che conta è la sostanza e non la forma. O meglio, le forme.

La storia di Angelina lascia aperti alcuni altri interrogativi. In primo luogo, l’aspetto economico che già adesso incide in modo crescente sulla qualità dell’assistenza sanitaria. Lei stessa ricorda che i circa 3.000 $ spesi per i test genetici, risibili per lei, sono un ostacolo per molte donne. Aggiungo che è prevedibile che in futuro crescerà il ricorso a procedure di biologia molecolare atte a prevedere il destino clinico di un individuo; un po’ come si vede in certi film di fantascienza. Quale datore di lavoro assumerà un malato più che potenziale?

Quale compagnia assicurativa stipulerà una polizza-vita ad un individuo con un assetto genetico “sfavorevole”? Solo il tempo darà risposta a queste domande perché il progresso scientifico e tecnologico prevede solo la marcia avanti. Nell’attesa, e per quello che conta, posso solo ribadire tutta la mia ammirazione per Angelina. Adesso avrà pure due protesi al posto delle “tette”, ma di certo ha dimostrato al mondo intero di essere una gran donna. Di quelle dotate di fegato e di palle. Non ne sono affatto sorpreso. In fondo, in oltre trenta anni di quotidiano contatto con la sofferenza, mi è ormai chiaro che “le palle”, al di là di ogni evidenza anatomica, sono più spesso un attributo del genere femminile.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Bell’articolo, ma molto importante la scelta di Angelina di tirare fuori questo problema. Ormai la ricerca genetica fa passi enormi,ma si deve andare oltre. Per quanto enormi siano, per noi (mia figlia 4 anni con una mutazione genetica molto simile) sono troppo piccoli. Incitate le donazioni a telethon o altre associazioni varie. Grazie per l’articolo.

    La scelta della Jolie mi pare del tutto razionale.
    La buona notizia è che è stato individuato il gene di questo cancro alla mammella.
    Certo, l’esame costa ancora assai e possono permetterselo solo le stars californiane. Ma è facile prevedere che costerà sempre meno, aumentando le possibilità di prevenzione.
    Comunque i metodi tradizionali danno già qualche risposta. Ho due amiche guarite (GUARITE) dal cancro al seno diagnosticato “per tempo” e curato qui a Palermo.
    Quindi, signore e signorine, andate a farvi il controllo, informandovi col consultorio, il medico di famiglia o qualche associazione.
    Intanto sappiate che, con tutto il mio cuore rosanero, tifo per voi, per la vostra salute e per le vostre tette.

    Caro Vitogol,
    in poche righe affronti diversi argomenti importanti.
    La conoscenza in corso del genoma umano, conoscenza che si va approfondendo sempre più, porta sicuramente dei vantaggi nella conoscenza di molte malattie su basi genetiche, ma non solo. Credo che possiamo essere d’accordo se dico che la maniera in cui qualsiasi organismo vivente si esprima nel suo aspetto biologico e relazionale, sia in buona parte dovuta alla combinazione di cromosomi dei suoi genitori all’atto del suo concepimento.
    E’ una possibilità fantastica poter pervenire o correggere malattie genetiche, ma può essere molto pericoloso manipolarli. Su questo siamo tutti d’accordo. Mi avvicino alla conoscenza della “ verità”. Ti confesso che non mi piacerebbe sapere in anticipo quando sarà l’ultimo giorno della mia esistenza umana, se si arrivasse a leggere quanto scritto, a proposito di questo evento naturale, nei miei cromosomi. Secondo me finirebbero la speranza e la volontà di lottare. Tuttavia la Scienza deve andare avanti. L’uomo stesso troverebbe come affrontare i nuovi problemi che gli si presentassero davanti.
    Mi dispiace e mi dispiacerebbe ancora, se il divario economico tra le classi continuasse a fare vincitori e vinti anche in questo campo che esprime il diritto naturale di ogni uomo. Visti i chiar di luna della politica attuale, non sono ottimista.
    Passiamo alle “ palle” che tu dici essere più frequentemente appannaggio del genere femminile. Sono d’accordo. Dico spesso che le donne appartengono a un altro “pianeta” perché vedono prima degli uomini e meglio, vizi e virtù di chi frequenta. Quel loro “attributo”, quantunque ideale, è pensante come un macigno. Loro lo sanno. E’ stato così dalla nascita dell’Uomo. Qualcuna ne approfitta sconsideratamente. Come l’uomo. Appunto.
    Un abbraccio
    U ncazzatu

    E’ stata coraggiosa nel farlo e generosa nel dirlo.

    Ciao Vitogol, non posso che cominciare con un bentornato. Si vede che le nostre posposte/proteste hanno fatto effetto, o almeno mi piace pensarlo. D’altronde, cime si fa’ a non pubblicare uno scritto come questo? Data l’estremo delicatezza dell’argomento, con forti connotazioni psicologiche, prima ancore che fisiche, solo un animo veramente sensibile ed attento alle vicissitudini umane poteva mettere a fuoco tutte, ma proprio tutte le implicazioni di quella scelta. Ancora grazie ed arrileggerci su queste pagine.

    Per chiarezza: Vitogol, come tutti i commentatori di punta di Livesicilia, scrive quando può e quando vuole. E noi siamo sempre felici di pubblicarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.