Meloni suona l'allarme Musumeci: "Vediamoci per la Sicilia"

Meloni e l’allarme Musumeci: “Vediamoci per la Sicilia” VIDEO

La sconfitta del centrodestra alle amministrative. Preoccupazione per la Sicilia
PALAZZO D'ORLEANS
di
4 Commenti Condividi

“Basta litigi, a partire della Sicilia, non possiamo rischiare di mettere a repentaglio il risultato delle politiche. Chiederò a Salvini e Berlusconi di vederci il prima possibile per evitare ulteriori divisioni”. Le parole social di Giorgia Meloni, leader di ‘Fratelli d’Italia’, partono da un dato e approdano all’allarme. L’elemento di cronaca è la sconfitta del centrodestra nelle freschissime amministrative. Divisioni, ripicche e litigi spaccano la coalizione che, per un pelo, a Palermo, è riuscita a trovare la sintesi sul nome di Roberto Lagalla.

Una preoccupazione, manifestata troppo tardi, e condivisa, sempre con ritardo, da Matteo Salvini: “Spiace per le città perse al ballottaggio, nonostante l’impegno di candidati e militanti – ha scritto su Facebook il leader della Lega-, spesso per le divisioni e i litigi nel centrodestra come a Verona, che non si dovranno più ripetere. Spiace per la bassa partecipazione al voto, spesso inferiore al 30%, segnale che costringe tutti a lavorare di più e meglio”. Ci si lecca le profonde ferite politiche e si guarda all’orizzonte, cominciando proprio da Palazzo d’Orleans. Ecco l’allerta.

Perché, come è noto, la vicenda in Sicilia si è avviluppata – con i soliti litigi, con le ripicche e le divisioni – sulla vicenda intricatissima della ricandidatura del presidente della Regione uscente, Nello Musumeci. Lui vuole tentare il bis. Molti degli alleati preferirebbero un altro nome, per dirla garbatamente. Il riferimento del governatore al suo successore, la conferenza stampa pugnace e le parole di questi giorni non hanno ammorbidito il contesto. Ecco perché Palermo, con vista sull’Isola, rischia di diventare un’altra roccaforte perduta. Ed ecco perché Giorgia Meloni suona ‘l’allarme Musumeci’. Nel senso del metodo, visto che i meloniani appoggiano il desiderio presidenziale.

Nel frattempo, il centrosinistra si sta muovendo. Il Pd ha lanciato alle ‘presidenziali’ il nome di Caterina Chinnici. E’ un tentativo di giocare d’anticipo per sfruttare i problemi del centrodestra. A Palermo è stato prodotto lo stesso schema temporale, su meccanismi diversi, con la candidatura a sindaco di Franco Miceli, ma non è bastato al cospetto di una ritrovata compattezza degli avversari. Qui, il quadro è, però, differente: non c’è un Leoluca Orlando al commiato, con conseguente riflusso del voto, dopo anni di amministrazione difficili.

Sarà, infatti, proprio Nello Musumeci a congedarsi dagli elettori con un bilancio in chiaroscuro. Gianfranco Miccichè, il principale avversario della ricandidatura, non ha dubbi, come si sa: “Non pongo aut aut a nessuno. Vogliamo vincere in Sicilia o no? Perché se l’obiettivo è quello, ricandidando Musumeci il rischio di perdere invece è altissimo”. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Sia sinistra che destra non hanno nessun obiettivo se non quello di vincere senza nessun tipo di programma politico.
    Meno male che almeno alle prossime elezioni ci sarà un’alternativa ne non comprende i due schieramenti ormai senza nessuna fiducia da parte dell’elettorato.
    Hanno governato entrambi e ci troviamo in queste condizioni …. meglio cambiare

    Sono da sempre un elettore di centrodestra. Ma se ci dovesse essere ancora Nello Musumeci candidato voterò in maniera disgiunta. Caterina CHINNICI come Presidente della Regione o chi per lei ed il candidato di CDX per l’assemblea regionale siciliana.

    Povera Giorgia, sono sicuro che se potesse farlo farebbe volentieri a meno dei politici siciliani……

    Nello Musumeci Presidente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.