Palermo e il mistero | della commissione urbanistica - Live Sicilia

Palermo e il mistero | della commissione urbanistica

La nomina di Mimmo Russo, i misteri della politica e ... il paradosso dello Sperone. La replica

IL DIEGONALE
di
11 Commenti Condividi

Caro direttore,

Non so a lei, ma a me pensare che Mimmo Russo sia stato eletto Presidente della commissione urbanistica e invece Giulia Argiroffi vicepresidente mi fa ridere troppo.

È così che funziona, lo capisco. È la democrazia, si vota e chi ottiene più voti viene eletto Presidente.

Questi però sono i misteri della politica. I due fanno entrambi parte dell’opposizione e quindi questi hanno visto le caratteristiche dei due, ci hanno pensato e hanno detto: tra i due è meglio Russo.

Che ragionamento avranno fatto?

Mimmo Russo lo conosco da molti anni, ha una lunga e variegata esperienza politica (è stato destra, centro, sinistra e anche orlandiano che è categoria dello spirito) mentre della Argiroffi ne ho solo sentito parlare.

Mi dicono che ha malo carattere nel senso che vuole sempre capire le cose fino in fondo. So che è stata eletta coi cinque stelle e poi cacciata quando in seguito si resero conto che aveva due lauree (una in ingegneria ed una in architettura entrambe conseguite con 110 e lode) oltre ad un dottorato di ricerca in progettazione architettonica e che non aveva quindi i requisiti per essere grillina.

Ora direttore, lungi da me fare discriminazioni, ci sono persone che hanno studiato meno di altre epperò meritano tutto il nostro rispetto, magari hanno qualità nascoste che li fanno eccellere ed un qualsiasi laureato al confronto diventa una nullità.

Quello che mi chiedo allora, senza pregiudizi, quali caratteristiche ha Mimmo Russo, che, diciamo la verità, è un po’ meno scolarizzato della Argiroffi, da essere addirittura scelto per fare il Presidente della commissione urbanistica in un momento in cui l’amministrazione comunale è oggetto di un’indagine delicatissima proprio in quel settore?

Se uno fa la grigliata sul tetto nonostante i divieti e si prende un agente per gestire le sue interviste perché, lei potrebbe chiedermi, Mimmo Russo dovrebbe essere inadeguato a fare il Presidente della commissione urbanistica del consiglio comunale di Palermo?

Giuseppe Spagnolo sul tetto di un edificio allo Sperone e Mimmo Russo sul tetto della commissione urbanistica a Palazzo delle aquile. Ora non voglio certo paragonare Mimmo Russo al tizio dello Sperone, ci mancherebbe altro, trovo solo che i due episodi hanno in comune il senso del paradosso.

Il fatto è direttore che io non riesco a capacitarmi.

Ma con quale faccia, con tutto il rispetto per Mimmo Russo, tra i due, hanno fatto questa scelta?

Ma a lei che spiegazione hanno dato?

Io sa che potrei fare? Lo potrei chiedere al mio amico Tantillo che è addentro a queste cose, lui una spiegazione intelligente me la saprebbe dare certamente.

La replica di Mimmo Russo

Leggendo la dichiarazione dell’ex Sindaco di Palermo,Diego Cammarata, dove lui stesso, avanza dei dubbi sui criteri che hanno portato all’elezione del presidente della commissione urbanistica e, ritenendo alla base della scelta il criterio della scolarizzazione, sono affiorate alla mia memoria diverse scelte compiute dallo stesso Cammarata ai tempi della sua sindacatura.

Ricordo quando l’allora Sindaco si trovò a dovere scegliere il presidente della stessa commissione che oggi presiedo, e aggiungo che il presidente eletto fu scelto per le sue doti politiche di ottimo amministratore e non certo per titoli di studio, nonostante in quella commissione fossero presenti componenti laureati e molto esperti in materia.

Mi sono tornati in mente almeno 12 componenti delle giunte Cammarata,

tutti nomi ,a mio avviso, validissimi e che hanno dato un grande contributo alla città ,ma per quanto riguarda “la scolarizzazione”, erano tutti privi di laurea.

Furono nominati dall’ex Sindaco Diego Cammarata che nel scegliere i suoi assessori non utilizzò il metodo che oggi rivendica. Il professore Cammarata, da uomo di diritto, sa perfettamente che alla base della democrazia c’è la sovranità popolare.

La politica permette tramite l’espletamento di un mandato elettivo legittimato dal consenso popolare, di poter fare scelte che mi hanno consentito la scorsa consiliatura di essere eletto presidente della prima commissione del comune di Palermo (commissione bilancio), ed oggi a rivestire il ruolo di presidente della commissione urbanistica, le stesse scelte che portarono l’ex Sindaco ad individuare i criteri di selezione dei membri del suo apparato governativo.

Infine credo che chi ha avuto il privilegio di indossare una fascia tricolore, dovrebbe evitare paragoni fra chi, con proprie azioni rende triste l’immagine della città e chi , invece la città la rappresenta con una storia di coerenza politica nelle istituzioni.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Mi scusi sig. Mimmo Russo , la sua replica è opportuna, ma lei non può parlare di coerenza .
    Se prima era a destra, poi al centro e per finire di sinistra e orlandiana mi pare che c’è qualcosa che non torna.

    Ma come può, il sindaco passato alla storia per essere il meno amato d’Italia, esprimere giudizi sull’operato di altri politici?

    Tra Russo, la Argiroffi e quanti altri è una lotta tra giganti. Cammarata si occupi di altro.

    Un paese che antepone la sedicente volontà popolare alla competenza, dove tra l’altro è richiesta competenza, è un paese senza speranze. E purtroppo questo è un ulteriore esempio di come siamo governati male…

    Mimmo Russo replica senza però svelare il mistero…. perché è stato preferito a Giulia Argiroffi???

    D’Italia? Se lei vota Orlando non credo possa dare lezioni.

    un Presidente in questa città vale un altro, titoli e studi e competenze a che serve, volete mettere un Politico che è stato a Destra a Sinistra in Centro, sempre noi lo votiamo, per il bene di questa città, e poi ricordiamoci che… ” andrà tutto bene”

    E’ semplicemente campione mondiale di salto triplo, in più con Orlando ha imparato il “carpiato”.

    Noi palermitani siamo bravi a giudicare l’impossibile e ciò che non si è mai visto.Ogni volta che vi è un elezione del parlamento comunale siamo tutti proiettati al nepotismo non sapendo che in quel palazzo vi è il bisogno di uomini che parlano che intervengano e che si relazionino ,ma voglio farvi una domanda ,siete mai stati ad una ad una seduta Consiglio comunale ?non si paga nulla, ogni tanto per il bene della nostra Città andateci ,vi accorgerete chi è il Consigliere Mimmo Russo,noterete se ha dei padroni se non Palermo ed il popolo,lo sentirete nellle sue esternazioni parlare solo di problematiche cittadine da risolvere,senza guardare il colore politico .Non è laureato?vero,ma è uno che non diserta mai una seduta consiliare nemmeno al tempo del Corona virus.Augurerei per la mia citta 1000 di Mimmo Russo ,vedreste Palermo florida.

    Non si può dire ma si capisce!

    Sì e la scelta è stata fatta proprio su queste qualità: presenza, dedizione al popolo, integrità morale. Naturalmente la dottoressa Argiroffi, pur essendo laureata due volte in discipline specifiche per presiedere la commissione urbanistica, non si può definire portatrice di quei sani principi che possiede Mimmo Russo e quindi si deve accontentare di fare al massimo da vice, ed essendo Mimmi Russo sempre presente di fatto ne esautora il ruolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *