Proseguono gli interventi| per la messa in sicurezza - Live Sicilia

Proseguono gli interventi| per la messa in sicurezza

Il sindaco Orlando e l'assessore Giambrone hanno fatto il punto sui lavoro in corso nella struttura affinchè torni presto fruibile. I lavori si stanno concentrando su tutti gli interventi necessari per mettere in sicurezza il monumento e renderlo nuovamente fruibile.

chiesa dello spasimo
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Il Sindaco Leoluca Orlando e l’Assessore Francesco Giambrone, accompagnati dal dirigente del Coime Francesco Teriaca, hanno svolto nei giorni scorsi un sopralluogo all’interno della Chiesa dello Spasimo e del suo complesso monumentale. La visita è servita a fare il punto sui lavoro in corso perché l’intera struttura torni presto fruibile, dopo diversi anni durante i quali erano stati interrotti gli interventi manutentivi e che avevano determinato la chiusura. I lavori in corso si stanno concentrando su tutti gli interventi necessari per mettere in sicurezza il monumento e renderlo nuovamente pienamente fruibile. Tutti gli interventi sono realizzati da maestranze interne all’Amministrazione comunale.

Ad oggi si è completato l’intervento di pulizia delle navate laterali, delle aree in cui sono presenti i ponteggi e di tutti i frammenti lapidei che sono stati opportunamente puliti e ricollocati. Si è inoltre provveduto alla pulizia di tutti i canali di scolo delle acque e dei pluviali per favorire il deflusso delle acque meteoriche. Un consistente intervento è tutt’ora in corso per la pulizia della condotta fognaria che, verosimilmente, non è mai stato pulita durante gli ultimi anni, tanto da risultare quasi del tutto ostruita dalla terra e dai detriti. I giardini sopra le mura sono quasi del tutto ripuliti ad eccezione di una piccola porzione che sarà ultimata nel corso della prossima settimana.

Un gruppo di operai sta invece affrontando la ripresa di alcuni controsoffiti in “incannucciato con ordito in legno”, secondo le tecniche tradizionali e già nel corridoio di accesso (a quasi otto metri di altezza) sono stati ripresi gli intonaci scrostati e si sta provvedendo alla pittura. Gli uffici hanno inoltre già fatto gli ordinativi per il materiale mancante a seguito di alcuni atti vandalici (in particolare per il sistema di smaltimento delle acque e per la scala di accesso al giardino). Infine è quasi ultimata l’intervento sul terrapieno che ostruiva il muro perimetrale, da cui sono stati rimossi oltre 22 metri cubi di terricio e materiali vari.

“Questi interventi sono quelli minimi indispensabili per restituire lo Spasimo e tutto il suo complesso al decoro e alla fruibilità – spiega l’Assessore Francesco Giambrone – affinché questo splendido monumento torni ad essere appieno un luogo di cultura, di arte e di socialità per i palermitani. Ulteriori interventi sono già allo studio per favorire la fruizione da un pubblico ancora più ampio, a partire dalla dotazione di soluzioni per il superamento delle barriere architettoniche. Ulteriori interventi saranno realizzati per l’illuminazione e per rendere armonici con il contesto anche gli elementi come i ponteggi, necessari per la sicurezza dell’area.

“Lo Spasimo rappresenta un simbolo della nostra città, nel bene e nel male – ha detto il Sindaco Leoluca Orlando – E’ il simbolo della sua possibilità di rinascita e riscatto; è il simbolo di quali sono le conseguenze di un lungo periodo di abbandono ed incuria. Oggi finalmente lo Spasimo sta tornando al suo splendore e, lo dico con orgoglio e riconoscenza verso le maestranze impegnate in questi lavori, lo fa grazie al lavoro, alla passione e alla dedizione di un gruppo di operai comunali.”

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    LEOLUCA ORLANDO DOVE SEI ?????????
    PIAZZA SETT’ANGELI VERGOGNOSO ABBANDONO A QUALCHE METRO DEL MONUMENTO SIMBOLO DI PALERMO LA CATTEDRALE.
    Come si fa a non accorgersi dello stato di abbandono della nostra città prendiamo esempio un banalissimo inconveniente che si trova alla spalle della cattedrale “Piazza Sett’Angeli”. I turisti che salendo dalla via Sant’Agata alla Guilla si ritrovano dinanzi la bellissima veduta della Cattedrale tutta smerlettata di mosaici in tufo e pietra lavica monumento invidiato da tutto il mondo, presto si accorgono del degrado che la circonda, in tanto devono stare attenti a dove mettono i piedi per non calpestare gli escrementi dei cani lasciati nel verde delle aiuole abbandonate a se stesse, il muretto che circonda la villetta è in pessime condizioni con parti dissestati i vandali ne hanno rotto un pezzo e nessuno si e mai permesso di rimetterlo a posto i giardinieri cosa fanno? scopano solamente di tanto in tanto e non fanno nessuna segnalazione. Basterebbero due operai che in un paio di ore sollevassero il pezzo di muretto spostato e rimetterlo a posto con un po’ di calce, intanto e la da due anni che nessuno prende un provvedimento Nei primi anni del 2000 uno scavo archeologico portò alla luce una pavimentazione romana che la Sovrintendenza dei Beni culturali si affrettò a proteggerla perimetrandola con una staccionata in legno. Negli anni la staccionata si è deteriorata e l’area archeologica è divenuta una discarica d’immondizia. Il Comune di Palermo con Sindaco Orlando e Assessore Giambrone ma dove vivono ? a Palermo ? credo che vivono si a Palermo ma nei villini e palazzi nobiliari a preparare festicciole e rinfreschi al noviziato dei crociferi assieme alla Bazzi .Ci vuole tanto almeno dare ordinanza gli operai del Coime a rimettere a posto almeno il basolato di marmo spaccato e disconnesso? che bella figura ci facciamo con i tanti turisti che affollano la Cattedrale ????

    Orlando renditi conto che la gente non ti vuole come sindaco, sei finito…ritirati con tutta la tua giunta miserevole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *