Scompare l'Amatori, restano i giovani: l'amarezza di Max Vinti

Scompare l’Amatori, restano i giovani: l’amarezza di Max Vinti

Non è un bel giorno per Catania. E non solo in visione sportiva.
LA STORIA DEL RUGBY ETNEO
di
1 Commenti Condividi

CATANIA. C’è un’immagine che ci viene in mente pensando alla scomparsa dell’Amatori Catania Rugby. E’ quella di Benito Paolone che tanti giovanissimi ha tolto dalla strada in nome di quella che era la religione dell’Amatori: lealtà, valori e sport.
No. Non si tratta di politica. E nemmeno della retorica del romanticismo. Ma di un vuoto che si comprenderà solo tra qualche tempo, quanto vuoto sarà per Catania.
La fine dell’Amatori è una sconfitta per il territorio. Il presidente Riccardo Stazzone, il faro Max Vinti, i dirigenti e i simpatizzanti ci hanno provato in tutti i modi: ma l’investimento economico era diventato fin troppo rilevante. E l’assenza di possibili sponsor e sostenitori in un tempo economicamente così complicato hanno fatto il resto.

L’Amatori non c’è più.
Fuori dalla banalità delle frasi da commiato, per Catania non è un bel giorno.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Lottavamo per lo scudetto,più di 10.000 catanesi in tribuna,Paolone\Granata\Gemmellaro\Castagnola ….. ricordi indelelebili …. uomini e sportivi veri;ricorderò sempre Ariba Ariba Amatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *