Sicilia, Chinnici: "Ponte Stretto? prima strade interne" - Live Sicilia

Chinnici: “Il Ponte? Prima le strade, poi si vedrà…” VIDEO

La candidata del centrosinistra ospite di Confindustria
7 Commenti Condividi

PALERMO – La candidata del centrosinistra alla presidenza della Regione, Caterina Chinnici, non chiude le porte al ponte sullo Stretto né alla possibilità di realizzare dei termovalorizzatori per risolvere il problema dei rifiuti. Per quanto riguarda il ponte bisognerà prima risolvere il nodo delle strade e delle altre infrastrutture interne, “poi si valuterà” anche sulla base dello studio di fattibilità “che sarà pronto nel 2023”. Sui rifiuti “serve un piano organico” e spingere “sulla differenziata”, soltanto in seguito si dovrà ragionare sul “come eliminare quegli scarti non riutilizzabili e che vanno diversamente eliminati”.

Incontro nella sede di Confindustria

Una Chinnici di poche parole stamattina a Palermo, nella sede di Confindustria Sicilia, dove gli imprenditori capitanati da Alessandro Albanese hanno illustrato le proposte e le priorità per lo sviluppo dell’Isola: dal tema delle infrastrutture, al credito, ai rifiuti, al Pnrr. L’aspirante governatrice ha detto che presenterà ufficialmente insieme con Enrico Letta lunedì la sua candidatura.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Condivido la scelta prima le strade che sono in condizione pietose e che in alcuni casi basterebbero pochi interventi di ripristino di alcune buche storiche.poi la messa a norma delle strade urbane scivoli per disabili che mancano da sempre tipo incrocio notarili libertà via dalla chiesa duca della verdura….semafori pedonali in periferie a tutela dei ragazzi e degli anziani piste ciclabili in tutta la città e non solo nei quartieri del centro. Rivalutare borghi e paesini della Sicilia. Collegamenti bus anche di sera per la provincia e le citta in modo da non isolare i ragazzi e gli anziani.

    Autolesionismo elettorale. Ci sono candidati suoi che stanno ancora smadonnando, ma tanto lo sanno che ci sarà il voto disgiunto a favore di De Luca.

    Brava ed aggiungerei, pronto soccorsi, ospedali e ferrovie…

    Mangeremo pane e pseudolegalita’…nessuno che parla di dire all europa che la guerra alla Russia devono farla con i loro soldi non con i nostri….qua tra 1 mese non si faranno ne ponti e ne strade , ci saranno problemi di ordine pubblico grazie alla sinistra, all europa e alla sudditanza delle lobby Americane

    Tanto non voteremo il partito dell élite bancaria

    Certo che dimostra una grande competenza e capacità di amministrare.

    Il PD è più di 20 anni che antepone le strade al ponte…… e la situazione stradale dell’isola è enormemente peggiorata. No comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.