L'emozione di Ferrandelli, la lettera a Palermo e a Orlando VIDEO

L’emozione di Ferrandelli, la lettera a Palermo e a Orlando VIDEO

Le parole di Fabrizio Ferrandelli per commentare il risultato elettorale.
6 Commenti Condividi

L’emozione non ha voce. Infatti, la voce di Fabrizio Ferrandelli è costruita, facendo forza al silenzio. Con il suo (circa) quindici per cento, il candidato sindaco di ‘Azione’ e +Europa porta a casa un risultato lusinghiero e tutto incentrato sulla sua capacità di consenso. Nei dibattiti è stato, spesso, il più brillante, il più informato, il più preparato, quasi edotto sul numero esatto di capelli di ogni impiegato comunale. La freschezza giovanile lo ha aiutato, come l’essere un ‘ripetente’. Alla terza candidatura a sindaco, dopo anni di studio, qualcosa ti rimane. Ma qui c’è uno studente che si è impegnato sul racconto delle cose.

Poi, ci sono anche i limiti. L’essere apparso ondivago, nella collocazione politica. Non avere azzeccato il tempo di alcune uscite, né di alcune entrate. Avere sacrificato la patente del civismo per andare alla ricerca di sponde improbabili. Sono state queste le scelte che hanno, probabilmente, impedito una vera scalata a Palazzo delle Aquile. E anche l’avere sfidato, anni fa, un Leoluca Orlando al massimo del consenso. Il coraggio, specialmente a Palermo, si paga.

Ecco alcune delle parole, nel video sulla pagina Facebook, leggendo da una lettera. A Palermo e a Orlando. “Il risultato ci soddisfa – declama Ferrandelli -. La nostra area politica è la prima della città. Questo turno elettorale sancisce la nascita del polo liberale. Quello che è accaduto ai seggi è ingiustificabile, ma tutti dobbiamo accettare con maturità ed eleganza il risultato. Roberto Lagalla è legittimamente il nuovo sindaco di Palermo. Gli chiedo di coinvolgere l’opposizione. Noi non faremo sconti, ma nemmeno barricate”. Un pensiero a Miceli: “che se la prende con tutti, tra un po’ se la prenderà con il Palermo che è stato promosso”.

Orlando, infine, citando Guccini: “Luca, il tempo prende e il tempo dà. Se tu, dieci anni fa, avessi fatto scelte diverse, oggi vivremmo una stagione da protagonisti. Ti riconosco, comunque, l’onore delle armi”. Era il 2012. Rita Borsellino venne sconfitta da Ferrandelli alle primarie, Orlando si candidò contro di lui e vinse. Fu una sorta di ritorno del re che cambiò tutto. E i ‘se’ aumentano soltanto i rimpianti degli sconfitti. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Comunque bravo Fabrizio !!

    Il “Re” di Palermo sconfitto da Cuffaro, Cammarata.

    In un’altra città , progredita , che avesse veramente effettuato quel cambiamento
    culturale strombazzato , avresti avuto un risultato di gran lunga superiore .
    Purtroppo Palermo è sempre Palermo , lontana anni luce dalla civiltà intellettuale .
    Un addebito , ti sei speso troppo , a favore della vitalità dei giovani e la conseguente
    occupazione del suolo pubblico , oggi diventato privato , con la conseguente invivibilità
    delle zone prese d’assalto , e li sicuramente si è creato il vuoto intorno la tua lista .
    Una tua chiara presa di posizione con i cittadini sicuramente ti avrebbe avvantaggiato .

    Signor Giacomo, pazienza, che vuole farci, purtroppo noi palermitani non abbiamo capito niente in questa tornata elettorale e siamo lontani anni luce da voi che rappresentate il “verbo”! E si è visto! Ci scusi !

    Essere presuntuosi non ha limiti!

    Dopo aver girato quasi tutti i partiti, pur di non andare a cercare un lavoro vero, adesso con i comunisti….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.