Blitz della Guardia di Finanza: catturato latitante in Spagna

Blitz della Guardia di Finanza: catturato latitante in Spagna

Il narcos colombiano si nascondeva a Valencia.
L'OPERAZIONE
di
0 Commenti Condividi

VALENCIA – Si nascondeva a Valencia, in Spagna. Julio Cesar Hurtado Rodriguez, sfuggito all’arresto nell’operazione Cocorito, è stato catturato dai finanzieri del Comando Provinciale di Catania, con la collaborazione e il supporto dello Scico (Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata) e del “Cuerpo Nacional de Policia” spagnolo. Il narcos colombiano, latitante dallo scorso 25 maggio, è destinatario di un mandato di arresto europeo per traffico internazionale di droga. L’indagato ora è in attesa di estradizione. 

Hurtado è uno degli indagati chiave di una complessa inchiesta della Dda di Catania denominata Cocorito che ha fatto scattare le manette nei confronti di 13 persone. Hurtado però era risultato irreperibile. Dalla notte del blitz sono scattate le indagini che hanno portato a localizzare il narcotrafficante che aveva creato il suo covo nella città spagnola. 

L’operazione Cocorito, condotta dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Catania, ha disarticolato due cartelli criminali. Le indagini hanno portato a sequestrate oltre 367 kg di marijuana e cocaina.  

Il primo sodalizio criminale, che sarebbe stato guidato da due fratelli colombiani affiancati da altri due sudamericani, sarebbe stata specializzata nel traffico di cocaina. Il secondo gruppo era suddiviso in diverse cellule: il primo, costituito da cittadini albanesi, importava importanti quantitativi di droga dai Balcani. Il secondo si riforniva di marijuana dal primo gruppo criminale che poi rivendeva a Catania.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *