Palermo, fatture false: arrestati 3 imprenditori, società sequestrate

Palermo, fatture false: arrestati imprenditori, società sequestrate

Dipendenti pubblici indagati e truffe sul reddito di cittadinanza
2 Commenti Condividi

PALERMO – Fatture false, lavoro nero e disoccupati solo sulla carta per incassare il reddito di cittadinanza. Il blitz della finanza fa emergere uno spaccato desolante. Tre imprenditori edili finiscono ai domiciliari e quattro società sotto sequestro. Ci sono altri nove indagati perché avrebbero sfruttato le fatture false.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palermo ha accolto la richiesta del procuratore aggiunto Annamaria Picozzi e del sostituto Eugenio Faletra. Bloccati anche 160 mila euro, considerati profitto del reato.

Gli arrestati e le società

Gli arrestati sono i palermitani Armando Caggegi, 71 anni, Giovanni Cannistraro, 70 anni, e Pietro Anello, di 68. Sono tutti e tre indagato per associazione a delinquere ed emissione di fatture false. Queste le società: Arca edilizia srl (con sede a Palermo, in via Tommaso Angelini), A&G Multiservice sas (anch’essa si occupa di lavoro edili, sede a Palermo, in via Giovanni Raffaele), Anpi Naval srl (fabbricazione strutture e parti metalliche, sede a Palermo, via Domenico Scinà), General Service Società Cooperativa (lavori costruzione edifici, sede a Palermo, via Domenico Scinà).

Dipendenti pubblici indagati

Tra gli indagati ci sono tre dipendenti pubblici che avrebbero svolto “in nero” lavori edili e di giardinaggio usufruendo dello “schermo” societario messo a disposizione dagli indagati e altrettanti percettori di reddito di cittadinanza.

Gli investigatori del Nucleo di polizia economico-finanziaria hanno quantificato in oltre 2 milioni di euro l’ammontare delle fatture inesistenti emesse fra il 2019 e il 2021. Gli indagati sarebbero stati pagati con una somma in contanti che si aggira intorno al 10% degli importi.

“Tutelare l’economia legale”

L’obiettivo della finanza, spiega il colonnello Gianluca Angelini, comandante del Nucleo, è “la tutela dell’economia legale che riveste oggi più che mai un’importanza centrale per la salvaguardia degli imprenditori onesti”.

Bisogna contrastare “la criminalità economica, in grado di inquinare il tessuto sano dell’imprenditoria nazionale e particolarmente difficile da colpire alla luce del tecnicismo delle operazioni contabili e finanziarie illecite. L’obiettivo è quello di garantire l’effettivo ristoro delle casse dello Stato di quanto indebitamente sottratto alla collettività dagli evasori fiscali”.



Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Tra non molto la finanza zvra tantissimo lavoro…chi ha un attività dovrà scegliere se pagare la luce o le tasse…grazie alla mente superiore che al governo ci ha fatti fallire

    I primi a denunciare chi truffa sul reddito di cittadinanza dovrebbero essere i percettori onesti di questo strumento con una class action legale. E’ un provvedimento utile dal punto di vista sociale e del sostentamento delle famiglie in difficoltà che tra l’altro sotto altra denominazione esiste in tutta Europa, ma tantissimi truffatori italiani, perfino dei multimilionari e quasi tutti coloro che hanno avuto o hanno problemi con la giustizia, hanno contribuito a farlo odiare da coloro che pagando le tasse ne vorrebbero una gestione corretta, controllata e che dia sbocchi lavorativi a chi è in grado di potere lavorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.