Palermo, il M5s denuncia la mega discarica abusiva FOTO - Live Sicilia

Palermo, il M5s denuncia la mega discarica abusiva FOTO

Trizzino: “Esiste da tre anni, lo stesso periodo nel quale a Musumeci vennero conferiti poteri speciali"
RIFIUTI
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – “Altro che settima vasca a Bellolampo: non è necessaria, basta andare alle porte di Palermo, in via Conte Federico, per scoprire, parallela all’autostrada Palermo-Catania, un’immensa discarica di 450 metri di estensione per due di altezza, ‘attiva’ da almeno tre anni, che contiene di tutto. Dall’amianto all’organico, agli scarti di cantiere, con grande abbondanza di percolato pericolosissimo”. Ironizza così Domenico Gambino, candidato al consiglio comunale di Palermo nella lista del Movimento 5 Stelle, dopo il sopralluogo effettuato nella mattinata di oggi, venerdì 10 giugno, insieme con i deputati regionali Giampiero Trizzino e Luigi Sunseri, e il deputato nazionale Davide Aiello.

Nei mesi scorsi il consigliere della seconda circoscrizione Pasquale Tusa aveva ripetutamente segnalato la ‘bomba ecologica’ al Comune e alla Regione: l’ultima volta a marzo, quando un incendio aveva sprigionato fumi tossici nell’arco di centinaia di metri. “Il risultato – aggiunge Gambino – di cinque anni di mala gestione di Musumeci & c., un’esperienza fallimentare che non può vedere esente da precise responsabilità politiche il candidato sindaco di centrodestra Roberto Lagalla. Il fatto è che questo è il modo di operare del centrodestra. Esportare il modello Musumeci a Palermo è semplicemente follia. È questo il modello che vogliamo alla guida della nostra città?”.

Per Trizzino, componente della commissione Ambiente dell’Ars, “questa discarica abusiva, così come numerose altre, esiste da tre anni, lo stesso periodo nel quale a Musumeci vennero conferiti poteri speciali per la realizzazione della nuova vasca di Bellolampo. Se i tempi fossero stati rispettati, non staremmo qui a parlarne. Evidente la  pesante responsabilità del governo di centrodestra che testimonia, quantomeno, scarsa o nulla attenzione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Questa è la maleducazione di alcuni cittadini che si comportano da vandali e il mancato controllo delle istituzioni che dovrebbero punire i responsabili con provvedimenti adeguati .Questi rifiuti sono lì da anni e ci saranno sempre perché dove ci sono rifiuti si aggiungeranno altri rifiuti e formeranno nuove discariche. La privatizzazione a Palermo non funziona o si torna pubblico o si dovrebbe affidare la gestione dei rifiuti a ditte private specializzate.

    E io che credevo che la Rap fosse un’azienda comunale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.