Brindisi di Capodanno: gli spumanti made in Sicily FOTO - Live Sicilia

Brindisi di Capodanno: gli spumanti made in Sicily FOTO

Un brindisi augurale targato Sicilia
SAPORI E PROFUMI
di
0 Commenti Condividi

Siamo giunti al capolinea di questo lungo cammino che è stato il 2021, costellato, ancora, di insidie, sacrifici e battaglie quotidiane. Ma anche di progressi, successi e speranze. E quale modo migliore di iniziare un nuovo capitolo se non con un brindisi augurale targato Sicilia?

Tra le tante etichette che spiccano nella nostra isola, abbiamo selezionato cinque delle migliori bollicine per salutare l’anno che verrà.

Sosta Tre Santi Cantine Nicosia

Metodo Classico da Carricante. Il nome Sosta Tre Santi è un tributo a Trecastagni, borgo etneo dove sorge la cantina, e ai suoi santi protettori Alfio, Cirino e Filadelfio, che nel loro viaggio verso il martirio fecero sosta nella cittadina. Di colore giallo paglierino con riflessi dorati, al naso si presenta complesso ed elegante con raffinate note floreali, dal biancospino ai fiori gialli, con sentori mielati e di lievito. Al palato il sorso è vivido, caratterizzato da grande freschezza e piacevolezza, con un finale lungo e persistente.

Enrica Spadafora Dei Principi di Spadafora

Metodo Classico da uve Grillo. Dedicato da Francesco Spadafora alla figlia Enrica, il vino si mostra con un colore giallo paglierino intenso ed un perlage fine e persistente. Contraddistinto da aromi freschi, al naso spiccano le note fruttate e un vena minerale. Di facile beva e grande freschezza, questo vino si caratterizza per una spiccata acidità e una grande struttura.

Almerita Brut Tasca d’Almerita

Metodo Classico da Chardonnay in purezza. Pensato dal team della cantina negli anni ’90 per gli amici del Conte Giuseppe, nel calice si presenta con un colore tipicamente paglierino, attraversato da un perlage di grana fine. Al naso si esprime con note di frutta tropicale, impreziosite da nuances burrose miste a sentori di crosta di pane. All’assaggio è di buon corpo, fine e cremoso, con un sorso contraddistinto da una piacevole freschezza.

Murgo Brut Blanc de Noir

Metodo Classico da Nerello Mascalese. Nato dalla lungimiranza degli Scammacca del Murgo, considerati antesignani della spumantistica sull’Etna, questo vino presenta un colore giallo paglierino brillante dal perlage fine e continuo. All’olfatto è intenso e complesso, propone un bouquet floreale, con una parte minerale nettamente dominante, sentori di agrumi, tracce di frutta secca ed erbe aromatiche. La parte gustativa è caratterizzata da una freschezza prorompente, il sorso è vibrante con un finale pieno e una spiccata mineralità che ne assicura la buona persistenza.

Terzavia Marco De Bartoli

Metodo Classico da uve Grillo. Questo spumante, perfetta espressione di un territorio in continua evoluzione, è caratterizzato da un colore giallo paglierino carico, con un perlage continuo e consistente. Al naso presenta aromi di frutta secca, miele, vaniglia e spiccate componenti terziarie. Il sorso è fresco con un ottima acidità. Le note citriche donano persistenza a questo vino che si contraddistingue per la sua grande capacità di invecchiamento.

In alto i calici, dunque, e soprattutto i cuori, con l’augurio che il brio, la leggerezza e la gioia del brindisi possano intessere la vita di ognuno.

Alla salute!

Leggi anche Brindisi con la Sicilia – Cusumano 700


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.