Caos all'ufficio anagrafe per il rilascio della carta d'identità - Live Sicilia

Caos all’ufficio anagrafe per il rilascio della carta d’identità

Lunghe code e confusione in viale Lazio per il rilascio di documenti VIDEO
8 Commenti Condividi

PALERMO – Problemi all’ufficio anagrafe di viale Lazio Palermo per il rilascio della carte d’identità. La confusione è tanta e per accedere all’ufficio si deve necessariamente prenotare, ma in questo caso i tempi di attesa sono lunghi e se, come il nostro lettore che questa mattina ha inoltrato il video dove vene rappresentata la situazione paradossale, chi ha necessità di un nuovo documento perché deve partire non ha modo di rinnovare il documento.

LEGGI ANCHE: Palermo, incredibile su Tik Tok: “Tre anni per la residenza” VIDEO

Il lettore ha raccontato l’accaduto: “Sono sconvolto. Devo partire e ho due figli nati a dicembre che, ad oggi, non hanno i documenti. Ho anche un figlio più grande che ha il documento scaduto. Circa 10 giorni fa sul sito del comune di Palermo ho visto che era necessario prenotarsi, ma l’unica data disponibile era nel 2022. A quel punto ho contattato le varie delegazioni e mi è stato spiegato che qualche giorno prima sarei dovuto andare all’ufficio con i bambini e il biglietto di viaggio. Per non attendere inutilmente insieme ai bambini questa mattina mi sono recato all’ufficio anagrafe di viale Lazio, ma il caos era incredibile. Alla porta c’è un unico ragazzo che gestisce tutti e tutto, una volta riuscito a parlare con lui mi ha risposto ‘provi a venire lunedì mattina, non sappiamo se riusciamo a fare il documento’ a quel punto ho chiesto cosa avrei dovuto fare se non fossero riusciti a farlo e mi ha risposto ‘chiami i carabinieri'”.

“Ho incontrato un carabiniere – ha continuato il lettore – , che era di passaggio, e spiegato lui la situazione; l’agente si è interessato, ha parlato con la portiera che ha chiesto informazioni alla dirigente che ha risposto ‘deve mandare una mail allegando il biglietto’, ma questa cosa l’ho già fatta, senza ricevere alcuna risposta a quel punto la signora ha detto che avrei dovuto chiamare domani mattina, ma che non avrebbe garantito nulla”.

“A me sembra una cosa indecente, ma come si fa? Capisco i problemi legati al covid, ma in due anni non sono risusciti ad organizzarsi. Avere il documento è un diritto del cittadino ed un obbligo. Il Comune deve garantire questa possibilità”.

Effettuando una simulazione di prenotazione per il rilascio della carta d’identità non è stato possibile effettuarla:

Fabio Giamborone, vice sindaco di Palermo, con la delega ai servizi demografici, in merito a quanto accade all’ufficio anagrafe di viale Lazio ha risposto: “Che vi siano disordini è fuori da ogni dubbio. Il sito di viale Lazio ha prodotto 12500 carte in un momento difficile. Nonostante la carenza di personale non è facile. Speravamo in una proroga delle carte che è fissata ad oggi, ma non è ancora arrivata. Procederemo per capire come accelerare e per dare risposte concrete alla città“.

Il vice-sindaco ha anche parlato della procedura d’urgenza: “È sempre rispettata. Chi ha una esigenza particolare può mandare una mail con la documentazione completa. Ci sono due persone preposte a questo che hanno il compito di rispondere“.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    viene il VOMITO, città da quinto mondo,

    evviva OLLANDO e tutti i suoi elettori!!!!!

    E vi pareva che avrebbe risposto? Il colmo che questi “signori” con arroganza definiscono città della cultura Palermo

    Quest’articolo si dovrebbe esporre in tutti i muri della città affinchè tutti ne prendano nota .

    IMPOSSIBILE PRENDERE UN APPUNTAMENTO IN QUALSIASI UFFICIO TUTTO ALLO SBANDO TRIBUTI ANAGRAFE ECC.ECC. COME LA CITTà DEL RESTO

    “La nostra redazione ha provato a contattare il vice sindaco Fabio Giambrone, che ha la delega ai servizi demografici, ma senza riceve risposta”…………………….perchè cosa vi aspettavate?……

    L’amministrazione del Comune è allo sbando. Gli impiegati non possono fornire il servizio. Noi cittadini e loro siamo entrambi vittime di Orlando
    Orlando, Giambrone & company i peggiori politici della storia di Palermo.

    Strano a Palermo succedono queste cose! Siete dei terrapiattisti no vax. Cose da pazzi……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *