Cimitero dei Rotoli| Le bare rimangono in deposito - Live Sicilia

Cimitero dei Rotoli| Le bare rimangono in deposito

Allarme rosso al cimitero di Santa Maria dei Rotoli, nel quartiere di Vergine Maria. Da giorni, infatti, manca l'operaio che si occupa di scavare le fosse per le inumazioni, perché impegnato in un corso di formazione, e nel deposito del camposanto si sono già accumulate circa 170 bare. Si prevede un aumento di sei feretri al giorno.

5 Commenti Condividi


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Questa è la dimostrazione che chi dirige è un incompetente e chi dovrebbe lavorare ha solo diritti. Di fronte alle emergenze bisognerebbe essere più operativi e meno sindacalizzati. Poi evitiamo d’indagare sulle vere cause di questi disservizi, perchè tutto parte da oscure origini del male. Recentemente sono stati requisiti loculi presso tombe private per effetto dell’indifferenza dei responsabili dei servizi cimiteriali di fronte alle emergenze. Credo che per fare funzionare qualsiasi cosa, prima bisogna programmare e poi operare. Purtroppo è facile, di fronte ai disastri, scaricare sui cittadini le colpe di chi non è capace d’amministrare. Per colpa di questa gente, perfino i morti non trovano più pace….

    Sono cose che partono da lontano,da quando la fondazione di s.spirito non ha potuto
    costruire nuovi loculi,perchè se non lo sapete è stata la capienza del cosiddetto cimitero
    di s.orsola a mascherare fino agli anni 90 le magagne dei cimiteri comunali saccheggiati
    da imprenditori collusi con i politici che vedevano spuntare tombe ai lati di un viale dei
    rotoli e pensavano che era un fungo di forma strana.Oggi sono tutti ligi al rispetto dei
    regolamenti tanto loro (i politici) una sistemazione la troveranno sempre anche per
    l’eternità.

    La corruzione e ormai arrivata all’orlo

    Non è che chi dirige dovrebbe fare, sono gli altri che lo impongono e chiaro

    Quando era la Gesip S.p.A. ad occuparsi delle tumulazioni, non esisteva l’oscenità di vedere 170 bare a deposito.

    Livio P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.